Per noi, conoscere il luogo in cui ci si trova nel mondo è una parte essenziale del viaggio. Invece di leggere libri di storia e fare ricerche online, abbiamo scoperto che un modo divertente per imparare è guardare film.

Molti di questi film ci hanno fatto venire la voglia di partire per questo continente poco battuto. Scene di dolore, paesaggi ondulati e animali selvatici ci hanno fatto capire che dovevamo andare in Africa ed esplorarla da soli.

Vogliamo condividere con voi i nostri film preferiti ambientati in Africa, in modo che possiate guardarli e sentirvi ispirati a viaggiare anche voi.

I film che seguono coprono un’ampia gamma di argomenti e generi, ma sono tutti basati su eventi reali accaduti in Africa e danno una maggiore comprensione di cosa significhi viaggiare lì.

La mia Africa (1985)

La mia Africa è quel film sull’Africa che tutti conoscono e adorano. Romanticismo, pianure ondulate e leoni: cosa non si può amare? Non potevamo fare a meno di citarlo perché, per quanto banale, è uno dei film preferiti sull’Africa. Gli scenari e i paesaggi sono incantevoli e la fotografia mozzafiato ci ha convinto a recarci nel continente.

Se volete dare uno sguardo all’epoca coloniale dell’Africa orientale, con un pizzico di romanticismo e dramma, mettete da parte qualche ora per questo classico. Prima dell’uscita del film, nel 1988, il Kenya era un luogo di safari per ricchi ed elitari. Dopo l’uscita del film, il turismo in Kenya è esploso.

Gorilla nella nebbia (1988)

Sapevate che al mondo sono rimasti solo 800 gorilla di montagna? Oggi sono fortemente protetti in Uganda, Ruanda e Repubblica Democratica del Congo.

Tuttavia, solo pochi decenni fa non c’erano sforzi di conservazione per aiutare questi animali mistici. Ma la primatologa Dian Fossey ha trascorso 18 anni della sua vita a studiare le interazioni sociali delle famiglie di gorilla di montagna sui monti Virunga, in Ruanda; senza i suoi sforzi, è molto probabile che oggi gli animali si sarebbero estinti. Questo film drammatico del 1988 racconta il lavoro della sua vita – sia le sue lotte che i suoi successi – e la sua misteriosa morte. Il film mostra quanto profondo possa essere il legame tra animale e uomo.

The first grader (2010)

Nel 2003, il Kenya ha fatto la storia dell’Africa offrendo l’istruzione primaria gratuita ai suoi cittadini. L’improbabile eroe Kimani Maruge, che non aveva mai ricevuto un’istruzione durante il periodo coloniale britannico, decise di andare a scuola per la prima volta alla veneranda età di 84 anni.

The First Grader racconta come Maruge abbia perseverato ed eccelso nella scuola elementare e come la determinazione non abbia davvero limiti di età, ponendo così l’importanza dell’istruzione per tutti, soprattutto nell’Africa rurale, di fronte a un pubblico internazionale.

L’ultimo re di Scozia (2006)

L’ultimo re di Scozia è un film da vedere assolutamente prima di visitare l’Uganda. Lo spietato Idi Amin è diventato famoso per le violazioni dei diritti umani, la corruzione, la tortura, le uccisioni e le persecuzioni etniche durante il suo brutale regime negli anni ’70, che si stima abbia causato 100.000-500.000 morti, soprattutto ugandesi.

Il nome del film è tratto da uno dei titoli autoproclamati da Amin, “Re di Scozia”. Il film ritrae la presidenza di Amin attraverso gli occhi del suo medico fittizio e trasmette un senso del tumulto politico e delle difficoltà che il popolo ugandese ha dovuto affrontare.

Hotel Rwanda (2004)

La maggior parte delle persone ha sentito parlare del genocidio del 1994, che ha ucciso 500.000-1.000.000 di ruandesi. Durante quei giorni bui, Paul Rusembegi, il direttore dell’importante Hôtel des Mille Collines nel centro di Kigali, accolse migliaia di rifugiati, facendo credere che l’hotel funzionasse come sempre. Sebbene sia stato un periodo tragico per il Ruanda, il film ha almeno degli aspetti felici ed edificanti e mostra la forza dello spirito umano. Naturalmente, non è al 100% vero, ma è un buon punto di partenza per chi vuole saperne di più sul genocidio ruandese.

Half of a Yellow Sun (2013)

Tratto dall’omonimo libro, Half of a Yellow Sun segue due sorelle nigeriane durante lo scoppio della guerra civile nel loro Paese (nota anche come guerra del Biafra) alla fine degli anni ’60.

Minuto dopo minuto, assistiamo alla decimazione delle vite delle sorelle: i membri della famiglia muoiono, altri muoiono di fame e gli intellettuali diventano rifugiati nel loro stesso Paese. Anche se non siamo stati in Nigeria, il film e il libro fanno un ottimo lavoro nel mostrare le atrocità della guerra, il suo effetto sulle donne africane, il ruolo dei media occidentali e degli espatriati e i risultati del colonialismo.

Queen of Katwe (2016)

The Queen of Katwe è la storia ispiratrice di una giovane ragazza che sfida tutte le difficoltà. Phiona Mutesi sta crescendo nei bassifondi della capitale dell’Uganda quando viene introdotta al gioco degli scacchi. Con l’aiuto dei suoi insegnanti e della sua famiglia, diventa una delle migliori campionesse di scacchi dell’Uganda.

La povertà della sua famiglia e le costanti lotte che molti affrontano in Africa rendono questo film difficile da guardare, soprattutto dopo aver vissuto nella vita reale.

The Good Lie (2014)

Quando eravamo al liceo, c’erano due ragazzi africani molto alti che sembravano solo un po’ più grandi di tutti gli altri. In seguito abbiamo saputo che erano rifugiati sudanesi, o alcuni dei “Ragazzi perduti del Sudan“, il nome dato a oltre 20.000 ragazzi di etnia Nuer e Dinka rimasti orfani o sfollati durante la guerra civile sudanese.

Un programma del governo americano ha permesso a circa 3.800 di questi rifugiati di reinsediarsi negli Stati Uniti. The Good Lie racconta la storia di tre di questi Lost Boys e della loro sorella, le cui vite vengono strappate da una terribile guerra, e di come vengono trasferiti e integrati nella società americana.

Mandela: la lunga strada verso la libertà (2013)

Basato sull’autobiografia di Mandela, Long Walk to Freedom offre agli spettatori una comprensione più profonda della politica del Sudafrica. Il film fa un ottimo lavoro nel mostrare gli eventi storici, ma mescola ancora dramma e azione per intrattenere gli spettatori.

Durantei vostri viaggi in Sudafrica, potrete vedere ovunque immagini della rivoluzione anti-apartheid. Da statue ed edifici importanti a nomi di strade e arte di strada, è possibile vedere l’impatto di Mandela.

Endless Summer (1966)

Non è un film che troverete in molte liste sull’Africa, ma è uno dei più adatti ai viaggiatori del continente. È anche uno dei primi film sul surf di tutti i tempi e ha portato alla nascita di un genere. L’iconico e classico Endless Summer ha ispirato una generazione di surfisti e viaggiatori.

Questo documentario di Bruce Brown segue due surfisti che si lasciano alle spalle la fredda costa californiana alla ricerca di una “estate senza fine” nell’emisfero meridionale. Finiscono per viaggiare sulle coste del Senegal, del Ghana e del Sudafrica, mostrando l’eccellente surf che ancora oggi si può trovare a Western Cape. In quanto viaggiatori del mondo e aspiranti surfisti, è per questo che ci piace così tanto.

Ci sono tanti bei film sull’Africa che danno un’idea migliore del continente. Anche se non siete diretti lì, guardateli comunque. Sono tutti interessanti e grandi opere d’arte.

Contenuto liberamente ispirato a https://www.nomadicmatt.com/travel-blogs/ten-epic-films-about-africa/

Ti potrebbe piacere: